Ipocrisia o realtà?

Stamattina, leggendo il sito di repubblica, ho visto questa lettera a Corrado Augias che potete leggere qui.

Dopo, sfogliando “Metro”, ho letto un’altra lettera molto interessante, che vi riporto in toto (sperando di non violare qualche legge sul copyright, in caso chiedo venia e cancellerò tutto):

Tutti ipocriti sugli stranieri

Ammettiamolo. Questi rumeni non sono utili solo a sfruttatori di minorenni e caporali del lavoro nero. Ci sono le badanti senza contributi e le cameriere mal pagate. L’ingresso della Romania nella UE non è stato un atto di carità. Penso a quella fabbrica francesce (La Renault, mia aggiunta) che ha comprato un’auto low cost in Romania. Operai a 150 euro al mese senza il beneficio delle trentacinque ore (che vigono in Francia, altra aggiunta mia). Oggi sono tutti cittadini europei ma noi ce li siamo trovati qui da molto più tempo. Nessuna novità. Intanto qualcuna si sarà pure sposata con qualche italiano. E nessuno ci può far nulla.

Mi sono trovato straordinariamente d’accordo con la seconda lettera, ma secondo poi mi sono reso conto di come anche il mio pensiero sulla questione immigrazione stia col tempo radicalmente cambiando.

Se prima potevo anche giustificare chi veniva qui in Italia dicendo che viene da osti peggiori dei nostri, dicendo che ai tempi che furono anche noi italiani facemmo quello che fanno loro ora, dicendo che l’unica via per l’intragrazione era la tolleranza, ora non penso più queste cose e moltre altre che non ho scritto.

Dai fatti gravi alle cazzate, purtroppo, ultimamente le prime pagine dei giornali sono piene di fatti che riguardano elementi che noi ospitiamo. Cose gravi, come due che ammazzano una ragazza del mio quartiere con un ombrello in un occhio alla stazione termini o come un rumano che uccide a colpi di accetta due persone, a cazzate che magari non si vedono scritte sui giornali, come gli zingari che mentre stai tranquillo una sera sulla tamngenziale simulano un incidente per spillarti soldi.

Ora… come dice giustamente chi ha scritto la lettera: perchè ci dimentichiamo che una legalità c’è e andrebbe rispettata?

Quella sera maledetta, quei due bastardi che mi hanno fermato sulla tangenziale avevano architettato tutto ad arte: il finto botto, la volontà di chiamare i carabinieri che muta in un dacci i soldi davanti alle mie scuse, eccetera. Non so chi devo ringraziare per il non aver avuto un orologio al polso quella sera, perchè uno dei due mi chiese anche che ore sono per vedere se avevo un orologio di valore,e capace che se ce l’avevo manco buttavano in caciara pure quello, facile che mi davano qualche cazzotto e si fregavano quello e la macchina.

Abito vicinissimo alla stazione Nuovo Salario. Fino ad un po di tempo fa era un posto poco raccomandabile, ma si poteva ancora avere la tranquillità di girare con una borsa. Qualche tempo fa si insediarono degli immigrati/zingari nei vagoni abbandonati in stazione, e da quel momento i furti nelle case, gli incidenti simili a quello che mi è successo, gli scippi o cose del genere si sono non dico decuplicati, ma quasi. La polizia, il massimo che è stata capace è stato lo sgombero dei vagoni, e il risultato è che tutti gli sgomberati pe protesta si accamparono nella collina che divide casa mia dalla stazione. Dopo poco, bisogna ammetterlo, sono stati cacciati (quasi tutti, visto che una casuccia di lamiere c’è ancora, ben visibile), col risultato che una collina che è monumento nazionale (vicino c’è una cascina nella quale pare abbia dormito Garibaldi) era ed è ancora ridotta un sudiciume di oggetti abbandonati, cartacce e quant’altro. Senza contare che tutti gli “sfollati” venivano a fare i loro bisogni sul famoso muro del mio condominio.

E mi chiedo quindi che dovrei fare. Se dovrei veramente continuare a pensare tutto quello che ho pensato fin’ora in nome della tolleranza. O se pensare che ormai si è raggiunto un punto in cui dare qualche calcio in culo non sarebbe male.

Quando quelle due bastarde hanno ammazzato Vanessa Russo mio fratello ha detto a tavola “Ok, se veramente sono zingare (come conclamarono i tg in prima ipotesi) bisognerebbe fare i raid in tutti i campi rom, prendere a sberle tutti finchè non escono fuori, e buttarli fuori dall’Italia a calci in culo”. E non vi dico quanto ero e sono d’accordo con lui.

Il problema rom è da quando sono piccolo un problema di cui tutti si lamentano. E perchè non si inizano a prendere provvedimenti? Se due bastardi vanno in giro con la macchina a inscenare botto falsi e a chiedere soldi istantanei, magari da prendere col bancomat, perchè se una volta pizzicati dopo due ore qui due stronzi stanno fuori dalla cella (come un poliziotto mio parente ha candidamente ammesso)? Perchè si permette che persone ali semafori sfascino i vetri delle macchine perchè non ci si fa lavare il vetro (successo anni fa a Via Prati Fiscali, sempre qui vicino)?

Mi ha detto un’amica che a stazione Anagnina ci sono chiazze di sangue ancora non tolte di risse tra rumeni, e per passata esperienza il mercatino che s’è sviluppato attorno alla stazione pullula di cose decisamente illegali che chiunque, polizia inclusa, sa.

A volte per prendere il GRA per andare all’università mi capita di fare un pezzo di Via Salaria. E anche facendola alle 8 e mezza di mattina si vedono giovanissime ai bordi della strada in attesa di clienti. E dico giovanissime perchè, come ci disse un prete di zona al liceo, moltissime non hanno nemmeno 16 anni compiuti. Eppure sono li, dalla mattina alla notte fonda. In attesa di qualcuno che dia loro soldi che loro poi daranno al “protettore” che se guadagnano poco le ammazzerà di botte.

Beh. Se questa è la tolleranza che vogliono, non dovremmo essere d’accordo. E io inizio a non esserlo più. Datemi del fascista, ma a Roma si dice “er troppo è trippa”. E la trippa me fa schifo.

Annunci

Informazioni su brux

Ho 32 anni, ho studiato ingegneria e vivo in uno schifo di città (Roma) invidiata da tante persone. Per tanti anni ho cercato di capire il perchè di questa invidia, e dopo otto mesi vissuti in Germania credo di averlo capito, questo perchè. Adoro i gatti, la montagna, i paesi scandinavi. Ogni tanto strimpello la chitarra, solo ogni tanto e per poco, perchè poi i vicini si incazzano. Sono paranoico e rompicoglioni, ma probabilmente sta riga non l'avete letta perchè siete passati già ad un altro sito...
Questa voce è stata pubblicata in Bel paese, Immigrazione, Politica, Roma. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Ipocrisia o realtà?

  1. veronica ha detto:

    Sono d’accordo con tutto quello che dici. Ho più volte ribadito che la sicurezza a Roma non è più la stessa da qualche anno a questa parte, e differentemente da quanto affermano molte persone che conosco, credo che il Sindaco abbia enormi responsabilità in merito e che non stia facendo assolutamente nulla per cambiare le cose. Ho letto la lettera pubblicata su Repubblica, e ho letto la risposta di Veltroni, arrivata repentinamente oggi. Mi piacerebbe che il caro Sindaco mandasse sua moglie a fare un giretto al Parco degli Acquedotti, in qualsiasi momento della giornata, scelga lei, e che la medesima mogliettina tracciasse poi nei dettagli un bilancio della giornata. Sono sicura che cambierebbe idea molto in fretta. Una volta una ragazza poteva girare da sola in quel parco, oggi non più, nemmeno di giorno. Io stessa ho dovuto privarmi della possibilità di passeggiare tranquillamente da sola in molte zone di Roma dopo alcuni episodi che mi hanno spaventata. E il razzismo non c’entra proprio niente.
    Anagnina, come già ho avuto modo di dire più volte, è terra di nessuno. Il prefetto Serra ha fatto finta di sgomberare, qualche tempo fa, tutti i venditori ambulanti che si trovavano appostati sotto ai corridoi della stazione fin quasi ad impedire l’accesso alla metro, e nella piazza sovrastante la stessa. Utilizzavano i bagni del personale, dormivano nella sala d’attesa, creando problemi di igiene e sicurezza sia ai viaggiatori che alle numerose persone che ad Anagnina, purtroppo, ci lavorano ogni giorno. Ci sono state sparatorie in passato, e la chiazza di sangue di cui parlavi credo sia un rimasuglio recente di qualcosa del genere (avete presente Pulp Fiction, in particolare la scena in cui Vincent Vega spara al ragazzino seduto sul sedile posteriore della macchina? Ecco, sul muro c’è qualcosa di simile a quello che si vede nel film sul lunotto posteriore della vettura…). Gli ambulanti oggi sono tornati, in numero minore ma sono tornati. La comunità romena che ha sede a poche centinaia di metri dall’uscita della stazione sforna ogni giorno uomini ubriachi dalle prime ore della mattina, e gli zingari di qualsiasi età o etnia sono ovunque.
    Ripeto: il razzismo non c’entra. Volente o nolente, Roma è la mia città, e voglio potermela godere senza che mi si importuni mentre cammino, senza che debba temere per la mia incolumità ogni volta che esco di casa, senza che debba assistere a scene di degrado urbano ogni santo giorno, senza che debba vedere la metro piena di gente che ne usufruisce quotidianamente senza pagare nemmeno una volta. Mi si può obiettare che lo fanno anche gli italiani, che anche loro sono criminali, ladri, stupratori. Ma questo non è un buon motivo per importarne altri dall’estero in nome di una tolleranza che dovrebbe lasciare finalmente posto all legge, quella con la L maiuscola, per tutti, italiani e immigrati. Con la differenza che se un italiano delinque, lo si deve lasciare a scontare la sua pena in galera, e che se invece è un immigrato a sbagliare, deve uscire dall’Italia prima di subito, perché le tasse per mantenerlo in prigione le pagano i cittadini italiani, che mi pare abbiano già da pensare ai propri guai. Sono diventata razzista. Tollero solo chi viene qui con spirito di sacrificio uguale al mio e lavora onestamente per costruirsi una vita e una famiglia: ce ne sono, e non devono scontare gli errori degli altri. Ma per tutto il resto, nessuna, nessunissima pietà. Come scrive Augias nella sua risposta, Sarkozy ha adottato una strategia vincente…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...