Senza vergogna

È dal 24 di febbraio che sono deluso.
Mentre facevamo lo spoglio delle schede ci arrivavano i primi dati, e man mano che arrivavano mi sentivo sempre peggio. Ma quando sei al seggio è tutta un’altra cosa. Sembra una cazzata, lo so, ma fidatevi che è così. Quando tocchi con mano le schede, vedi quanto è alta l’una o l’altra piletta di schede, vedi le X tracciate dagli elettori… beh, fa molto più male. È una cosa che non si può capire se non si è dentro al seggio.

Uscito fuori mi sentivo deluso. Avevo perso qualunque tipo di speranza nel popolo italiano, nella sua capacità di giudizio, nella sua intelligenza. E andando a casa mi rendevo conto che uno su tre l’aveva rivotato. “Cambierò l’Italia”. C’è riuscito, purtroppo.

Chi legge queste pagine sa che, nel bene o nel male, sono di sinistra. Anche se un po sui generis. Sono favorevole a eutanasia e espianto di organi, ma col cazzo che mi farei fare entrambi. Non ho nulla contro l’immigrazione, ma penso che a parità di fattori un italiano debba avere la precedenza su qualsiasi cosa (e a parità di crimini, debbano andare in galera tutti e due). Sono *tendenzialmente* favorevole alla liberalizzazione delle droghe leggere (se proprio si dovesse fare), ma m’è sempre stato sul cazzo il concetto di spinello e tutto quello che ci gira attorno (oltre che al fatto che non m’è mai piaciuto, ogni volta che l’ho provato, proprio il sapore). Credo fermamente che il comunismo sia la forma di governo perfetta, ma allo stesso tempo la prendo come un’utopia, quindi irrealizzabile, quindi quello che è mio è mio, e vaffanculo se me lo vuoi toccare in onore del “bene comune”. Ipocrita, forse. Ma così è.

Tutto questo per dire che mentre tornavo a casa io ero quello che non l’aveva votato. Ne direttamente, ne indirettamente. Come al solito, m’ero turato il naso, votando alla Camera ciò che mi rispecchiava maggiormente, e al Senato ciò che poteva contrastare B. con questa legge elettorale di merda che ci troviamo. E per questo mi sentivo deluso come mai lo ero stato prima. Quel barlume di speranza nel popolo italiano era stato completamente spazzato via da chi l’aveva rivotato dopo questi vent’anni, e da chi aveva votato il neofascistoide a tante stelle.

Ma non mi sarei mai immaginato che si potesse andare ben oltre il fondo del barile. Quanto meno, non così alla luce del Sole, sotto gli occhi di tutti, chi deliberatamente fregandose di quanto i propri elettori pensano, chi contenuando a fare promesse che mai potranno essere mantenute, chi vantandosi di essere “il nuovo che avanza” salvo poi trovarsi a dormire in parlamento e/o a vantarsi di essere la seconda forza politica in parlamento (ah, beata la matematica) e/o a leggere la costituzione e poi non sapere che per il fare il presidente della Repubblica bisogna avere almeno 50 anni.

Ma quello che è successo tra ieri e oggi è andato oltre qualunque limite. Mai pensavo che il PD potesse provare a collaborare con B. Intendiamoci, non che in questi vent’anni non l’abbiano fatto più o meno direttamente. Se qualcuno (di cui non farò il nome. Dirò che ha i baffi) avesse provveduto a tempo debito oggi il problema B. non sussisterebbe. lasciando da parte le logiche di partito, che a noi popolino non è dato capire, io sono rimasto allibito quando ho letto i nomi, ieri.

C’era l’occasione, forse unica, di dare all’Italia un nuovo Pertini. Un presidente stimato da tutti (tranne B. e lacchè), uno dei massimi esperti di costituzione, e una persona straordinariamente avanti di pensiero laico e sociale. Nonchè, diciamolo, fondatore e presidente dei DS.

E invece il partito che ho votato al Senato se n’è sbattuto, di questa figura. E visto che ora va di moda “salire”, è salito allo scoperto, dichiarando pubblicamente un inciucio (visto che, a quanto pare, il nome l’ha scelto proprio B.), fregandosene di uno dei migliori politici veri italiani, nonchè “padre fondatore” dell’ex partito, e *soprattutto* deliberatamente fot-ten-do-ne-se di una intera base che diceva (e dice) di no, di non votarlo.

Tra ieri e oggi è andato in fumo il mio credo politico. Mai e poi mai mi sarei aspettato di pensare, stavolta seriamente, “Io alle prossime elezioni non vado a votare. Se ne andassero tutti affanculo, nessuno escluso”. Mai e poi mai mi sarei aspettato di dare ragione ad un ex comico che dice “Sono tutti uguali”.

Ieri, al Capranica, hanno deliberato la morte della sinistra italiana. Poco conta chi diventerà capo dello stato, ora. Potrà anche essere un buon nome, Rodotà stesso. Ma quello che è successo ieri (e oggi in Parlamento) è stato l’apice di venti anni di sfascio. Hanno varcato il punto del non ritorno, e vederli che si abbracciano in parlamento mentre i tesserati fuori bruciano le tessere mi ha fatto veramente male. Da morire. E la mia speranza ora è che alle prossime elezioni vengano spazzati via, e che tutti, pochissimi esclusi (quelli che hanno avuto le palle di votare Rodotà non per ordine di partito, ma per coscienza personale), spariscano dalla scena politica italiana. Tanto si sa, non patiranno problemi di disoccupazione, col lauto vitalizio che avranno.

Gente del genere casca sempre in piedi.

Immagine

Annunci

Informazioni su brux

Ho 32 anni, ho studiato ingegneria e vivo in uno schifo di città (Roma) invidiata da tante persone. Per tanti anni ho cercato di capire il perchè di questa invidia, e dopo otto mesi vissuti in Germania credo di averlo capito, questo perchè. Adoro i gatti, la montagna, i paesi scandinavi. Ogni tanto strimpello la chitarra, solo ogni tanto e per poco, perchè poi i vicini si incazzano. Sono paranoico e rompicoglioni, ma probabilmente sta riga non l'avete letta perchè siete passati già ad un altro sito...
Questa voce è stata pubblicata in Bel paese, Beppe Grillo, Inquisiti, Laicità, Politica, Prodi, Scazzo, Schifo. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...